ASSOCIAZIONE LIBERI COSTRUTTORI DEL DOMANI..... per edificare un'altra Italia

Enorme successo per l'incontro dibattito "Primavera delle Marche"

Una sala gremita di partecipanti ha accolto con attenzione ed entusiasmo le proposte, gli obiettivi ed il programma del Movimento dei cittadini marchigiani “Costruttori del domani”. 
L’Ing. Carlo Negri, Presidente dell’associazione, ha messo in evidenza quanto sia urgente, in momento difficile per il Paese e per la Regione, come l’attuale, prendere consapevolezza dell’importanza del ruolo che i cittadini rivestono. Negri – ha detto – Noi non siamo sindaci, consiglieri regionali nè tanto meno senatori, ma semplici cittadini, in quanto tali però costituiamo i pilastri e le travi portanti del nostro Paese, siamo il cuore, il motore che ogni giorno lo muove. Senza noi cittadini, chi con arroganza, supponenza, presunzione detiene il potere sparirebbe nel giro di poche ore. Molti si stanno svegliando dall’anestesia che li ha portati per anni a non vedere i veri responsabili della disastrosa situazione attuale. Ma c’è poco tempo in quanto i governanti stanno correndo ai ripari sottraendo ogni giorno potere di voto ai cittadini. Infatti per l’ elezione dei consigli provinciali è stato eliminato il suffragio universale, votano ora i sindaci e i consiglieri comunali, il nuovo Senato, che uscirà dalle tanto celebrate riforme di Renzi, non sarà più eletto dai cittadini ma dalla classe politica più corrotta, quella dei consiglieri regionali. Dopo essersi appropriati per utilizzi strettamente personali, in tutte le regioni d’Italia, del denaro dei contribuenti, attingendo spudoratamente ai rimborsi ai gruppi consiliari, sono stati anche premiati! Hanno regalato loro il Senato della Repubblica!!!
Altro elemento molto grave, indice della tendenza a mettere sempre più ai margini gli elettori, l’aumento del numero di firme necessarie per un referendum abrogativo di una legge, da 500.000 a 800.000.
Un nostro traguardo – ha aggiunto Negri- è quello di dare la possibilità ai cittadini di esprimersi liberamente, di manifestare tutto il loro dissenso nei confronti di un modello di sistema non più sostenibile. E’ necessario invertire la prospettiva nei rapporti con lo stato, che oggi prepotentemente e arbitrariamente ci scheda, ci controlla, spia i nostri acquisti, entra indiscriminatamente nei conti correnti senza però informarci minimamente di come vengono utilizzati gli 800 miliardi, che versiamo ogni anno tramite tasse e imposte di ogni genere. E’ necessario istituire un’ Agenzia delle uscite in grado di monitorare come viene gestito il denaro pubblico. Nel giro di poco tempo il risparmio si attesterebbe sui 200 miliardi di euro, in quanto sarebbero eliminati sprechi e malversazioni nella spesa pubblica. Nel programma di Costruttori del domani oltre l’Agenzia delle uscite, anche il Centro antiburocrazia, lo statuto dei diritti del cittadino, l‘inserimento in Costituzione dei referendum di ratifica dei Trattati Europei.
Aristide Corazzi ha messo in evidenza la necessità che l’attuale classe politica abbandoni definitivamente il campo e se ne costituisca una nuova, veramente in grado di risolvere i drammatici problemi attuali, dando reali prospettive di sviluppo agli Italiani, partendo dal taglio della pressione fiscale.
Ugo Borghi, che ha condotto l’incontro, dopo aver evidenziato il cammino compiuto dai Costruttori del domani in tre anni di impegno civile accanto ai cittadini, ha messo in luce quanto sia attuale, urgente e fondamentale l’obiettivo di coinvolgere le persone nel riconquistare la politica impegnandosi ad entrare nelle istituzioni al fine di cambiarle, gestendole esclusivamente come servizio alla persona. Ha poi ribadito l’assoluta necessità di attenuare la enormi difficoltà in cui si dibattono le piccole e medie imprese. Attraverso l’eliminazione immediata dell’ IRAP, degli studi di settore e dell’Imu su negozi e capannoni industriali.
Stefano Forconi si è soffermato sull ‘urgenza di risolvere i piccoli e grandi problemi che assillano le nostre città attraverso un’ “opposizione” che parta direttamente dalla gente.
Giovanni Larici ha sottolineato la rilevanza che deve assume nel dibattito politico una voce come quella dei Costruttori del domani, una voce che richiama, critica, contesta i gestori della cosa pubblica e li avverte che il tempo a loro disposizione sta per scadere.
Numerosi gli interventi dal pubblico, che ha seguito per tre ore ininterrottamente l’incontro dibattito, mostrandosi particolarmente attento ed interessato.INCONTRO 21 03 2015 RIDOTTA 106

 

DSC 0134

DSC 0118

P3210039

P3210101

P3210118 2

INCONTRO 21 03 2015 RIDOTTA 158

P3210049

INCONTRO 21 03 2015 RIDOTTA 163

P32108141

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
termini e condizioni.

Persone in questa conversazione

Visitatori

Oggi58
Ieri44
Questa settimana313
Questo mese1401
Totale127146
Giovedì, 12 Dicembre 2019 18:26

liberi-costruttori-del-domani-200

logo con foto 540x309

ASSOCIAZIONE LIBERI COSTRUTTORI DEL DOMANI
Sede: Ancona
quousquetandem@tiscali.it

Presidente: Carlo Negri  Visualizza curriculum